Piede diabetico: salvataggio avanzato della lesione

Il piede diabetico è una complicanza del diabete che colpisce il 15% dei diabetici nella loro vita. È associato alla neuropatia diabetica e alla malattia vascolare periferica e la sua incidenza è aumentata.

Ulcerazioni

L’ulcerazione è la causa iniziale di un drammatico processo che porta, se non adeguatamente trattata, all’amputazione. Sia la neuropatia che la neuroischemia e le infezioni hanno un ruolo nel determinare la guarigione o il peggioramento delle lesioni e l’85% di tutte le amputazioni nei pazienti diabetici sono precedute da un’ulcerazione del piede che degenera in una grave cancrena o infezione.

I diversi agenti causali e le diverse presentazioni cliniche del piede diabetico richiedono un approccio multidisciplinare per indirizzare i trattamenti agli obiettivi finali, la prevenzione delle amputazioni e il mantenimento di un piede funzionale con capacità portante

Numerose figure professionali come: diabetologi, chirurghi (sia generali che vascolari e ortopedici), radiologi interventisti, specialisti in malattie infettive, infermieri specializzati, podologi, tecnici ortottici, sono chiamati ad applicare le proprie conoscenze ai pazienti diabetici affetti da piede diabetico in un circolo virtuoso che porta per raggiungere gli obiettivi, con l’azione imperativa del team multidisciplinare.

Il centro così organizzato consentirà sia una corretta e rapida diagnosi, l’utilizzo in ambienti ambulatoriali di moderne strumentazioni, sia il ricovero in reparti multitasking, nei quali sono possibili tutte le complicanze e le cure necessarie, sia in urgenza che in modo elettivo, considerando sia rivascolarizzazioni che interventi chirurgici.